Mer. Feb 21st, 2024

Harrison Ford torna ad interpretare Indiana Jones nel quinto capitolo della saga, e sembra che il tempo si sia fermato per lui

Redazione

In alcune scene iniziali di Indiana Jones 5, l’attore è stato ringiovanito per ambientare la storia nel 1944, in un castello dove l’archeologo si scontra con un gruppo di nazisti. Successivamente, il film avanza fino al 1969. James Mangold, che ha ereditato la regia del franchise da Steven Spielberg, che ora ricopre il ruolo di produttore esecutivo, ha spiegato: “In questo modo, il pubblico non avrà un salto concettuale tra gli anni ’40 e ’60. Gli spettatori potranno sperimentare lo spirito avventuroso di quel periodo e poi il presente”.

Guardando le immagini che lo riportano indietro di quarant’anni, Harrison Ford ha dichiarato di accettare la sua età e di non provare alcuna nostalgia per la giovinezza. La sua esperienza è stata preziosa, soprattutto su un set come questo. Mangold ha affermato: “Ti rendi conto di quanto sia profondo il suo istinto, non solo come attore, ma anche come persona che sa come utilizzare una telecamera. Recitare per il cinema è come giocare a scacchi tridimensionali, è molto di più della sincerità nell’interpretazione, deve essere misurato con precisione millimetrica in base all’inquadratura e alle esigenze”.

L’obiettivo del regista era quello di mettere in scena la storia di un eroe al tramonto, permettendo al personaggio di sperimentare come il mondo intorno a lui sia cambiato nel corso degli anni. Ed è per questo che era importante ricominciare dall’inizio: “Voglio che tutti ricordino ciò che ha fatto, a cosa è sopravvissuto, cosa ha realizzato. Voglio mostrare prima il suo lato più vigoroso e poi ritrovarlo a 70 anni a New York City. Il suo passato è un ricordo vivido per il pubblico, che incombe su un uomo che ora vive nell’anonimato in un mondo che non si preoccupa più né riconosce le cose per cui si sentiva così profondamente vivo”, ha spiegato Mangold.

Tornare su un set così impegnativo non è stato facile: “Le riprese sono state dure, lunghe e faticose. Ma sono molto soddisfatto di ciò che abbiamo ottenuto”, ha confessato il protagonista. Così, all’età di 80 anni, con questo film l’attore si congeda dal personaggio di Indiana, affermando: “Abbiamo una grande storia umana da raccontare e un film che vi lascerà senza fiato. Per me, è tutto qui. Non continuerò a cadere per voi”. Il testimone viene passato alla “nipote” Helena Shaw, interpretata da Phoebe Waller-Bridge, descritta dal regista come “misteriosa, affascinante, la ragazza della porta accanto, una truffatrice”. Lo stesso Ford, parlando del successo dell’opera, ha indicato lei come uno dei motivi: “I capitoli di Indiana Jones si basano sul mistero e sull’avventura, ma anche sul cuore”. L’attrice, entusiasta di aver ottenuto il ruolo, ha raccontato al pubblico di aspettarsi qualcosa di veramente emozionante: “Quando interpreti un personaggio che si aggrappa al retro di un veicolo, non c’è modo di recitare. Devi solo farlo con tutte le tue forze. Il mistero e la meraviglia di Helena stanno per essere rivelati”.

Nel cast di Indiana Jones 5: Il Quadrante del Destino ci sono anche Mads Mikkelsen, nel ruolo di Jürgen Voller, che ha confessato di essere cresciuto guardando la saga, e Antonio Banderas, nel ruolo di Renaldo, che ha raccontato il primo giorno di riprese con Ford: “Ero nel camerino per il trucco. Qualcuno ha bussato alla porta, mi sono girato e lui ha detto ‘Ehi’, ed era Indiana Jones con la sua frusta, il cappello e tutto il resto. Ho visto I predatori dell’arca perduta quando mi sono trasferito a Madrid all’inizio degli anni ’80. Ricordo persino il nome del cinema”, ha rivelato.

La colonna sonora è ancora una volta affidata a John Williams, che, nonostante i suoi novant’anni, ha faticato a creare le musiche per un film di questo genere, impiegandoci ben sei mesi. Tra i brani, ha apprezzato particolarmente “Helena’s Theme”, in riferimento al personaggio interpretato da Waller-Bridge, definendola “un’avventuriera e una femme fatale che merita il lirismo musicale di una star della vecchia Hollywood”.

È chiaro con Harrison Ford come lavora ogni secondo per smorzare la pomposità di una scena. Cerca sempre modi per renderla realistica, per eliminare gli atteggiamenti falsi e ironizzare sul suo stesso personaggio. Ha un’idea ben chiara di ciò che serve per essere un eroe e di come si possa rivoluzionare il concetto di eroismo (James Mangold).

Indiana Jones incarna, da oltre 40 anni, l’antieroe per eccellenza nella storia del cinema e l’attesa per questo nuovo ritorno sul grande schermo aumenta di giorno in giorno. “L’uomo dietro la maschera dello scanzonato archeologo avventurieri combina perfettamente i ruoli di regista, produttore, attore e non potremmo essere più entusiasti di intraprendere questa avventura con Harrison e Steven

cit. di Alan Horn, presidente dei Walt Disney Studios.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *