Mer. Lug 24th, 2024

Il progetto è frutto della sinergia tra l’Università di Torino e il Politecnico, con il prezioso sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo, nell’ambito della prima edizione del bando dedicato all’Intelligenza Artificiale

Redazione

Se stai cercando un modo per arricchire la tua esperienza di visita nei musei di Torino, I-Muse è l’app perfetta per te! Sviluppata in collaborazione con Synesthesia, questa applicazione disponibile sia per iOS che per Android ti permette di esplorare otto realtà museali di Torino, tra cui la Reggia di Venaria Reale, il Museo Egizio, Palazzo Madama, la GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, e il MAO – Museo d’Arte Orientale, solo per citarne alcuni.

Grazie a I-Muse, puoi personalizzare il tuo percorso di visita, ottenere approfondimenti suggeriti basati sulle tue preferenze e scoprire sia le opere esposte che quelle conservate nei magazzini e negli archivi. Ma le sorprese non finiscono qui! L’app ti fornirà anche suggerimenti su altre visite museali, creando connessioni e percorsi originali. Ad esempio, se ammiri “La Baigneuse Blonde” di Renoir alla Pinacoteca Agnelli, I-Muse ti mostrerà le connessioni con “Ritratto di signora” di Giovanni Boldini nelle collezioni della GAM. Oppure, se ti soffermi sulla “Statua di Tauret” del XII secolo a.C. al Museo Egizio, l’app suggerirà di ammirare anche la “Statua DadAndroginErmete” del 1987 di Luigi Ontani.

I-Muse offre l’opportunità di superare l’idea di musei separati, mettendo in dialogo le diverse collezioni e consentendo ai visitatori di fruire del patrimonio come se fosse custodito in un unico grande museo, accessibile tramite l’app. Inoltre, il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico ha progettato venti musei virtuali su temi trasversali, come il cambiamento climatico, il cibo, il movimento e il tempo, che ospitano opere da tutti e otto i musei coinvolti in uno spazio virtuale comune.

Il funzionamento di I-Muse è semplice: basta scaricare l’app, impostare i temi di interesse e aggiungere le opere in mostra scansionando il QR code accanto ad ogni opera. Questo consentirà ad I-Muse di conoscere meglio il tuo profilo e suggerirti visite e contenuti in linea con le tue preferenze.

Oltre a migliorare l’esperienza di visita per i turisti, I-Muse offre vantaggi anche ai musei stessi. Consentendo di acquisire dati sulle preferenze degli utenti, i musei potranno ottimizzare i percorsi, offrire ticketing dedicati e, in generale, comprendere meglio il proprio pubblico.

I-Muse è il risultato della collaborazione tra Università di Torino e Politecnico, ed è stato ideato da un team di ricercatori provenienti da diversi Dipartimenti. Grazie al sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo, che ha lanciato il bando sull’Intelligenza Artificiale, il progetto I-Muse è stato reso possibile e rappresenta un’importante iniziativa di ricerca nell’ambito dell’intelligenza artificiale con ricadute concrete sul territorio.

Se vuoi vivere un’esperienza museale unica e coinvolgente, scarica subito I-Muse dall’App Store o dal Play Store. Non perdere l’occasione di scoprire il patrimonio culturale di Torino in un modo completamente nuovo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *