Gio. Mag 30th, 2024

Oggi prende vita il regolamento relativo ai semiconduttori, il quale introduce una serie completa di disposizioni mirate a assicurare la sicurezza nell’approvvigionamento, la resilienza e la posizione di leadership tecnologica dell’Unione Europea nel settore delle tecnologie e delle applicazioni dei chip. Questo regolamento si sviluppa attraverso tre pilastri fondamentali

Redazione

L’UE Piazza le fiches per Dominare nel Settore dei Chip

Parte la sfida europea nel settore dei semiconduttori

Con una mossa audace, l’Unione Europea ha annunciato oggi il lancio di un ambizioso piano per rafforzare la sua posizione nella corsa globale alla leadership nel settore dei semiconduttori.

Il nuovo regolamento sui chip, suddiviso in tre pilastri, segna un passo importante verso la sicurezza dell’approvvigionamento, la resilienza e il dominio tecnologico nell’ambito delle tecnologie dei semiconduttori.

Primo Pilastro:

“Chip per l’Europa”

Il cuore pulsante di questa iniziativa è “Chip per l’Europa”, un programma progettato per consolidare la leadership tecnologica del continente. Questo pilastro mira a facilitare il trasferimento di conoscenze dalla fase di laboratorio alla produzione industriale, colmando il divario tra la ricerca e l’innovazione e le attività industriali effettive.

L’obiettivo è promuovere l’utilizzo industriale delle tecnologie innovative da parte delle imprese europee. Per supportare questa iniziativa, l’UE metterà a disposizione 3,3 miliardi di euro di fondi, che saranno integrati dai contributi degli Stati membri.

Secondo Pilastro:

Incentivare gli Investimenti

Il secondo pilastro del regolamento è incentrato sull’incoraggiamento degli investimenti pubblici e privati nei impianti di produzione di chip e nei fornitori. Il regolamento stabilisce un quadro per gli impianti di produzione integrata e le fonderie aperte dell’UE, considerati all’avanguardia nell’Unione.

Questi stabilimenti contribuiranno non solo a garantire la sicurezza dell’approvvigionamento ma anche a creare un ecosistema resiliente nell’interesse dell’UE. Per supportare tali impianti, sarà possibile concessione di aiuti di Stato, previa l’approvazione della Commissione.

Terzo Pilastro:

Coordinamento e Sorveglianza

Il terzo pilastro del regolamento istituisce un meccanismo di coordinamento tra gli Stati membri e la Commissione europea. L’obiettivo è rafforzare la collaborazione tra gli Stati membri, monitorare l’approvvigionamento di semiconduttori, stimare la domanda, prevedere le carenze e, se necessario, attivare una fase di crisi.

Con questa nuova iniziativa, l’UE sta mettendo in moto una serie di azioni decisive per affrontare la crescente importanza dei semiconduttori nella nostra economia e società digitalizzata. Per ulteriori dettagli, è possibile consultare il comunicato stampa ufficiale e la sezione delle domande e risposte disponibili sul sito web dell’UE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *