Sab. Giu 22nd, 2024
fibra ottica vista da vicino

Sono stati avviati i lavori infrastrutturali previsti dalla Strategia nazionale per la Banda Ultra Larga, finanziati per il 70% tramite i fondi del PNRR e per il restante 30% grazie agli investimenti del Gruppo TIM

Redazione (fonte TIM)

Con l’avvio dei lavori nei primi cantieri, è stato inaugurato a Santena il piano di cablaggio del Gruppo TIM, nell’ambito del Piano Italia 1 Giga, con l’obiettivo di estendere connessioni ultrabroadband a circa 1.136 edifici distribuiti sul territorio comunale.

Questi edifici saranno soggetti a ispezioni tecniche successive per acquisire le informazioni necessarie per l’implementazione del progetto.

L’ iniziativa fa parte della Strategia nazionale per la Banda Ultra Larga ed è finanziata per il 70% attraverso i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), mentre il rimanente 30% proviene dagli investimenti del Gruppo TIM.

Il Raggruppamento composto da TIM e FiberCop, la società infrastrutturale del Gruppo, ha ottenuto sette dei quindici lotti messi a gara da Infratel Italia nell’ambito del Piano Italia 1 Giga, con un finanziamento complessivo di oltre 1,6 miliardi di euro, oltre a circa 700 milioni di investimenti diretti.

L’obiettivo è fornire entro il 2026 una connessione con una velocità di almeno 1 Gigabit/s in download e 200 Megabit/s in upload grazie alla posa di fibra ottica nella rete di accesso.

Santena è uno dei comuni coinvolti in questo ampio programma, che interessa complessivamente 10 Regioni, oltre alle Province autonome di Trento e Bolzano.

“La connessione ultraveloce è fondamentale per cittadini, imprese e istituzioni, supportando una vasta gamma di servizi, dal lavoro remoto all’istruzione a distanza, dalla telemedicina all’accesso a contenuti in streaming e on-demand”, ha dichiarato il Vice Sindaco di Santena, Paolo Romano.

I lavori si concentrano su 13 diverse aree nel territorio comunale, tra cui Piazza Forchino, Via Sambuy, Via Trinità, Via Cavour e altre, per migliorare la connettività dell’intera zona.

Gli sforzi per l’espansione della connettività veloce includono l’installazione di nuovi armadi per la fibra ottica e la posa di nuove infrastrutture, con un’attenzione particolare all’impatto ambientale, cercando di minimizzarlo attraverso l’uso di metodologie di scavo come la “minitrincea” e il sfruttamento delle infrastrutture sotterranee esistenti.

Giampaolo Crivello, Responsabile Field Operations Line Torino di TIM, ha sottolineato l’importanza dell’avvio dei lavori a Santena, indicandolo come un passo significativo nella digitalizzazione del territorio, che avrà una moderna infrastruttura di telecomunicazioni comparabile a quella delle grandi città italiane.

TIM lavorerà in collaborazione con l’Amministrazione per cablare diverse aree della città e aumentare la capacità delle stazioni radio base per potenziare la copertura 5G.

Il Gruppo TIM si impegna a mettere a disposizione delle competenze per accelerare la transizione digitale e sostenere la crescita economica locale.

Con il contributo di FiberCop, TIM prosegue il suo impegno per creare una rete ultrabroadband in tutto il territorio nazionale.

FiberCop garantisce già oggi una copertura di oltre il 94% delle linee fisse utilizzando tecnologie FTTC e FTTH e continuerà a sviluppare la copertura FTTH, che offre velocità di connessione fino a 10 Gigabit/s, con l’obiettivo di coprire circa il 60% delle unità immobiliari in tutto il paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *