Gio. Mag 30th, 2024

La Commissione ha presentato il 6 dicembre una proposta per estendere in modo specifico e una tantum, fino al 31 dicembre 2026, le attuali norme applicabili ai veicoli elettrici e alle batterie nell’ambito dell’accordo commerciale e di cooperazione

Redazione (fonte UE)

La Commissione europea ha proposto oggi un’estensione specifica, valida fino al 31 dicembre 2026, delle attuali norme di origine per i veicoli elettrici e le batterie nell’ambito dell’accordo commerciale e di cooperazione.

Questa proposta non influirà sulle norme di origine più ampie che entreranno in vigore nel 2027, come previsto.

In risposta a sfide impreviste, come l’aggressione russa in Ucraina e gli impatti della pandemia di COVID-19, la Commissione ha adottato la proposta per affrontare ritardi nell’espansione dell’ecosistema europeo delle batterie.

Inoltre, sono stati stanziati fino a 3 miliardi di € per sostenere l’industria manifatturiera di batterie dell’UE e promuovere la produzione sostenibile.

La proposta sarà discussa nel Consiglio, influenzando la posizione dell’UE nel consiglio di partenariato UE-Regno Unito, l’organo decisionale più alto dell’accordo commerciale e di cooperazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *