Sab. Giu 22nd, 2024

La Commissione ha diffuso un rapporto che offre una valutazione preliminare del progresso nel percorso di transizione per il turismo, il quale è considerato il più avanzato tra i percorsi di transizione

Redazione (fonte UE)

A due anni dalla presentazione del percorso, la relazione evidenzia i risultati concreti raggiunti in tutti i settori strategici, grazie al sostegno derivante dall’entusiasmo degli attori del settore turistico in tutti gli Stati membri dell’UE e oltre.

Il documento rivela che 204 organizzazioni, incluse le PMI, hanno assunto 424 impegni per rinnovare il turismo nell’UE in risposta all’invito. La maggior parte di questi impegni si concentra sulla sostenibilità ambientale del turismo.

Ad esempio, in Italia, la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e delle PMI si è impegnata a promuovere soluzioni sostenibili per il trasporto multimodale e a sviluppare politiche per la tutela del patrimonio naturale e della biodiversità, rispettando l’autenticità socioculturale delle comunità ospitanti.

Come esempio concreto, questo impegno è stato pubblicato sul sito web della Commissione.

La Commissione ha mantenuto gli impegni fondamentali per la transizione digitale attraverso iniziative come il regolamento sulla locazione di alloggi a breve termine e lo spazio comune europeo dei dati per il turismo.

Ha anche sostenuto diversi settori strategici attraverso opportunità di finanziamento descritte nella guida UE per il turismo. Per agevolare la condivisione di conoscenze, ha istituito il gruppo di esperti “Together for EU Tourism – T4T”.

Gli Stati membri hanno dimostrato il loro sostegno al percorso di transizione, pubblicando, ad esempio, l’agenda europea per il turismo 2030 nel dicembre 2022.

Il percorso di transizione è un processo continuo, e gli attori interessati sono incoraggiati a continuare a condividere il loro impegno per la transizione turistica nell’UE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *