Mar. Giu 25th, 2024

Principali trend della nuova industria del turismo tra la seconda rivoluzione digitale, il cambiamento climatico e l’avanzare dell’Outdoor

Redazione (fonte ENIT)

“ENIT a Bit 2024: Le Tendenze del Turismo Italiano tra Rivoluzione Digitale, Cambiamento Climatico e Outdoor”

L’Agenzia Nazionale del Turismo sarà presente a Milano dal 4 al 6 febbraio 2024 per presentare le principali tendenze della nuova industria del turismo italiano.

Con oltre 10 conferenze in collaborazione con partner istituzionali e tecnici, tra cui Maeci, Federcongressi, FS, Trenitalia, Unioncamere/Isnart, Touring Club e Fondazione Sant’Agata, saranno esplorate prospettive e trend del settore.

Grande attenzione sarà dedicata allo sviluppo di strategie per la promozione del made in Italy attraverso un modello di commercializzazione innovativo, con l’obiettivo di aprire nuovi percorsi e cammini potenziando le relative infrastrutture.

L’osservatorio economico sulla meeting industry verrà istituito per programmare in modo capillare l’attrattività e le potenzialità italiane in termini di ospitalità.

Esperti del settore, tra cui personalità dell’Università Bocconi, orienteranno l’offerta turistica considerando gli impatti del cambiamento climatico e analizzando strumenti e progetti sostenibili.

Il programma ENIT Agenzia Nazionale del Turismo prevede conferenze su diverse tematiche, dall’intervista alla Fondazione FS Italiane alla presentazione di dati e attività congiunte con Unioncamere/Isnart e GiVi.

Saranno affrontati anche argomenti come l’osservatorio economico sulla Meeting Industry, la promozione dell’Italia e la commercializzazione con un modello innovativo, e la misurazione degli impatti del cambiamento climatico nel turismo.

La Bit 2024 sarà un’opportunità per dimostrare l’impegno dell’Italia nel settore turistico internazionale, offrendo esperienze di qualità e promuovendo la crescita economica e sociale del Paese.

La partecipazione alla Bit riflette la volontà di accogliere turisti internazionali e sostenere un turismo sostenibile e responsabile.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *