Gio. Mag 30th, 2024

Tempo di previsioni economiche anche in Finlandia: l’economia finlandese si riprenderà dalla recessione, ma le finanze pubbliche rimarranno in deficit. Un problema che indubbiamente accomuna la Finlandia all’Italia, anche se in misura diversa

di Gianfranco Nitti

Il rapporto debito/PIL della Finlandia continuerà a crescere, ma più lentamente, secondo le previsioni economiche pubblicate dal Ministero delle Finanze il 25 aprile.

Le ultime statistiche hanno notevolmente offuscato il quadro dello sviluppo economico della Finlandia negli ultimi anni. La recessione è stata più lunga e più profonda di quanto precedentemente stimato.

Tuttavia, l’economia finlandese inizierà a migliorare quest’anno, anche se non mostrerà ancora una crescita su base annua. Si prevede che il PIL della Finlandia crescerà dell’1,6% nel 2025 e dell’1,5% nel 2026.
La domanda interna migliorerà con il rallentamento dell’inflazione, il calo dei tassi di interesse e l’aumento dei redditi delle famiglie. D’altro lato, il governo assicura che le misure di aggiustamento da esso introdotte ridurranno la domanda, aumenteranno i prezzi e indeboliranno la crescita economica complessivamente di circa lo 0,5% nel 2025 e nel 2026. “Mentre l’economia inizierà a riprendersi, i deficit pubblici si ridurranno e l’indebitamento si stabilizzerà. Tuttavia, non c’è molto margine di manovra per raggiungere i nostri obiettivi.

Gli sforzi per migliorare la capacità dell’economia di generare reddito e rafforzare le finanze pubbliche devono essere portati avanti a lungo termine e durante i mandati parlamentari”, ha affermato la consigliera ministeriale Jenni Pääkkönen. “Non prevediamo particolari attriti strutturali o ostacoli che potrebbero prolungare la recessione. Consideriamo questa una fase legata ai normali cicli economici”, ha dichiarato a sua volta Mikko Spolander, direttore generale del Ministero delle Finanze.

La ripresa del commercio globale stimolerà le esportazioni finlandesi
Le prospettive economiche complessive sono migliorate. In particolare, si prevede una ripresa del commercio globale dopo un debole 2023.

Tuttavia, la crescita economica rimarrà debole quest’anno nell’area dell’euro, e soprattutto in Germania, che è un mercato importante per la Finlandia. Anche le esportazioni sono state colpite dagli scioperi all’inizio dell’anno tuttavia beneficeranno della crescita economica globale grazie alla forte competitività dei prezzi.
I consumi privati cresceranno e l’aumento dei prezzi rallenterà.

I consumi privati sono cresciuti leggermente nonostante il potere d’acquisto delle famiglie sia stato colpito dall’aumento dei prezzi e dei tassi di interesse e la fiducia dei consumatori sia bassa.

Le opportunità per i consumi delle famiglie miglioreranno e la crescita dei consumi privati accelererà il prossimo anno. Tuttavia, la crescita sarà rallentata dalle ulteriori misure di aggiustamento del governo, che limiteranno la crescita del reddito disponibile delle famiglie e aumenteranno i prezzi.

Anche gli investimenti inizieranno a crescere nel 2025 con il calo dei tassi di interesse, l’industria delle costruzioni inizierà a riprendersi e il numero degli investimenti nella transizione energetica e nella sicurezza aumenterà.

L’occupazione diminuirà nel 2024, ma tornerà a crescere a partire dal 2025 a seguito dell’aumento della domanda e delle misure per stimolarla.

L’andamento occupazionale è stato ragionevolmente buono rispetto alla situazione economica. Ciò è dovuto ad un chiaro aumento dell’immigrazione, che ha aumentato la forza lavoro e il numero di persone occupate.

La crescita dell’occupazione sarà piuttosto forte e ampia nel 2025 e nel 2026. Questa sarà sostenuta dalla crescita della produzione e dalle misure adottate dal governo per rilanciare l’occupazione, la prima delle quali entrerà in vigore nel 2024.

Nel 2026, il tasso di occupazione di persone di età compresa tra 15 e 64 anni sarà del 74,5% e il tasso di disoccupazione del 6,7%.
Le finanze pubbliche miglioreranno e la crescita del rapporto debito/PIL rallenterà.

Le finanze pubbliche sono migliorate momentaneamente nel 2022, ma poi hanno preso un’altra svolta negativa. Nel 2023, il disavanzo pubblico era pari al 2,7% del Pil, ovvero poco più di 7 miliardi di euro. Dato che la situazione economica si è deteriorata, quest’anno non ci si può aspettare una crescita significativa delle entrate fiscali.

La spesa pubblica, al contrario, sta crescendo rapidamente. Il deficit continuerà a crescere fino al 3,5% del PIL nel 2024. Alla luce di queste e altre informazioni, il Governo ha deciso misure per rafforzare le finanze pubbliche di 3 miliardi di euro nell’ambito del Piano fiscale delle Amministrazioni generali per il periodo 2025-2028.

Senza queste misure aggiuntive, il disavanzo pubblico rimarrebbe superiore al 3% del PIL per diversi anni, il debito crescerebbe rapidamente e il rapporto debito/PIL salirebbe a quasi il 90% nel 2028.

L’impatto delle misure decise dal Governo è stato considerato tenendo conto nelle Previsioni Economiche appena pubblicate. Si stima che il deficit sarà inferiore al 2% del PIL alla fine del periodo di previsione nel 2028. Le misure del governo rallenteranno la crescita del rapporto debito/PIL, che si stabilizzerà intorno all’84% alla fine del periodo di previsione.

Le misure miglioreranno significativamente le finanze pubbliche, ma sulla base delle informazioni attuali non saranno sufficienti a invertire la crescita del rapporto debito/Pil.
Il Piano Fiscale Generale presentato dal governo il 25 aprile comprende la decisione sui limiti di spesa, e stima che le attività previste dal bilancio del prossimo anno comprenderanno

  • ricavi per 76,9 miliardi di euro escluso indebitamento netto (75,1 miliardi di euro quest’anno compreso il primo bilancio suppletivo)
  • spese pari a 87,6 miliardi di euro (88,1 miliardi)
  • un deficit di 10,7 miliardi di euro (12,9 miliardi).
    Il piano comprende una decisione sui limiti di spesa per le finanze pubbliche. I ministeri devono preparare le loro proposte di bilancio in linea con le decisioni prese in questo Piano.(gn)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *