Mar. Giu 25th, 2024
fibra ottica vista da vicino

Tim: al via lo switch off della rete in rame, da domani dismesse le prime 62 centrali prevista la dismissione di 6.700 centrali in rame entro il 2028 e la migrazione dei clienti verso connessioni in banda ultralarga per migliorare le prestazioni

Redazione (fonte TIM)

Per favorire l’adozione delle tecnologie in fibra ottica e accelerare la digitalizzazione del Paese, da domani TIM inizierà a dismettere le prime 62 centrali interamente in rame. Questo segna l’inizio del piano di switch off della rete in rame, che prevede lo spegnimento di oltre 6.700 centrali su 10.500 entro il 2028.

Le prime 62 centrali interessano 54 comuni in 11 regioni: Basilicata, Campania, Calabria, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Molise, Puglia, Sicilia, Toscana e Veneto. Lo spegnimento comporta il passaggio delle connessioni ADSL, ISDN e RTG alla nuova rete TIM, già in parte o totalmente in fibra.

Elisabetta Romano, Chief Network Operations & Wholesale Officer di TIM, dichiara: “Stiamo avviando una trasformazione importante della nostra rete di accesso. La migrazione dai servizi su rete in rame a quelli sulla nuova rete segna l’inizio dello switch off, che interesserà oltre il 60% delle nostre centrali, situate principalmente in aree periferiche o piccoli comuni. È fondamentale il continuo impegno nella realizzazione delle reti in fibra e nell’innovazione tecnologica per dismettere un gran numero di centrali nei prossimi due anni”.

La migrazione verso connessioni in banda ultralarga migliorerà le prestazioni e la qualità del servizio, con benefici ambientali significativi. Si prevede una riduzione dei consumi energetici di circa 450.000 MWh e minori emissioni di CO2 per 209.600.000 kg, equivalenti a 16.108.000 alberi.

Gli interventi tecnologici sono stati approvati da AGCom e fanno parte di un piano più ampio di rinnovamento tecnologico che prevede la dismissione progressiva delle centrali in rame. TIM ha informato tutte le Amministrazioni comunali coinvolte e organizzato incontri di approfondimento sul tema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *