Ven. Giu 14th, 2024

Nell’ultima puntata di Digitale Italia si torna sulle competenze digitali degli studenti italiani.

Redazione (fonte: AIDR)

Negli ultimi tre anni, oltre seicento studenti provenienti da scuole superiori italiane hanno preso parte a un progetto dedicato alle competenze digitali promosso dall’Unione Europea nel contesto del programma Erasmus+. I risultati di questo progetto sono stati presentati durante il format web chiamato “Digitale Italia”, promosso dalla Fondazione Aidr e condotto da Valentina Palmieri. Durante lo spazio televisivo sono stati ospiti in studio Stefania Capogna, direttrice scientifica di Re-Educo, e Raffaele Campanile, docente al Liceo G.Buchner di Ischia. Aidr ha svolto un ruolo di partner in questo progetto, che si è sviluppato su cinque macro aree d’intervento.

La prima area riguarda la creazione di un collegamento tra il sistema scolastico e il mondo del lavoro, con l’obiettivo di favorire l’innovazione nei processi organizzativi e formativi al fine di ridurre il divario tra domanda e offerta di lavoro. La seconda area mira a promuovere l’eccellenza nell’insegnamento e nello sviluppo delle competenze. La terza area si concentra sulla diffusione delle migliori pratiche a livello europeo, permettendo agli studenti e agli insegnanti di stabilire un network di apprendimento e scambio di buone pratiche con scuole in Spagna, Finlandia, Grecia e Cipro. Infine, l’ultima area è incentrata sulla diffusione di una cultura digitale più ampia, che sia utile per gestire responsabilmente le tecnologie digitali.

Durante il triennio, gli studenti e i docenti coinvolti nel progetto hanno avuto l’opportunità di sviluppare le proprie competenze digitali e di partecipare a un programma educativo internazionale. Grazie a questa esperienza, sono state create solide collaborazioni tra le scuole italiane e quelle degli altri paesi europei coinvolti, permettendo lo scambio di idee e pratiche innovative nell’ambito dell’istruzione digitale. Il progetto Erasmus+ ha dimostrato di essere un importante strumento per promuovere l’apprendimento e la condivisione di conoscenze tra le scuole europee, contribuendo così a preparare gli studenti per le sfide del mondo digitale in continua evoluzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *