Sab. Lug 20th, 2024

Regimenti, Regione Lazio: ‘Agosto drammatico sul fronte della violenza contro le donne’

Redazione

“Agosto segnato da ondate di violenza di genere: necessaria un’azione decisive”

Il mese di agosto è stato caratterizzato da una scia inquietante di violenza rivolta nei confronti delle donne: ogni giorno notizie e denunce di minacce, violenze sessuali, aggressioni e purtroppo anche casi di femminicidi come quello che ha scosso Piana di Sorrento, in cui una donna è stata uccisa dal suo ex partner.

È una situazione che richiede un’attenzione urgente: la violenza di genere costituisce un crimine contro l’umanità e il tempo per agire è ora. Questo è il messaggio espresso in una nota da Luisa Regimenti, l’Assessore al Personale, alla Sicurezza Urbana, alla Polizia Locale ed agli Enti Locali.

Oggi – afferma Regimenti-nonostante l’esistenza di numerose leggi a riguardo, siamo di fronte a due trend preoccupanti. Da un lato, emerge l’ombra delle situazioni non denunciate, che comprendono una moltitudine di minacce e molestie. Dall’altro, ci troviamo di fronte a casi di donne che hanno fatto denuncia, ma che non sono riuscite a ricevere la protezione adeguata di fronte all’aggressore.

L’impiego della tecnologia può essere risolutiva

Nel momento in cui una donna trova il coraggio di fare denuncia, è essenziale che le vengano forniti tutti gli strumenti necessari per garantire la sua sicurezza, così come quella dei suoi cari.

Sfruttiamo le possibilità offerte dalla tecnologia, dalle applicazioni che permettono di richiedere immediatamente assistenza alle forze dell’ordine, al rafforzamento dell’uso di dispositivi elettronici di allarme per contrastare le violenze.

Prevenzione è la parola d’ordine

E’ di cruciale importanza concentrarsi sulla prevenzione: gli uomini autori di maltrattamenti, già dalla fase iniziale delle misure di restrizione, dovrebbero essere obbligati a partecipare a programmi di recupero gratuiti, guidati da psicologi specializzati, allo scopo di evitare recidive comportamentali violente.

In tal senso, il protocollo Zeus della Polizia di Stato, che agisce in questo stesso ambito, sta dimostrando risultati promettenti. La salvaguardia delle donne rappresenta una questione fondamentale di civiltà, e la Regione Lazio è pronta a svolgere la sua parte, avendo già messo in atto misure significative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *