Sab. Giu 22nd, 2024
traffico metropolitano visto dall'alto

Il rapporto degli italiani con la propria compagnia di assicurazione è più ‘intimo’ di quanto si potesse pensare. Secondo uno studio di AutoScout24, gli italiani pagano la RCA più di tutti gli altri automobilisti europei e sono pure contenti

Redazione

Secondo un recente rapporto dell’IVASS, i costi delle assicurazioni in Italia risultano essere superiori del 27% rispetto alla media europea.

In dettaglio, il premio medio netto di una polizza RCA nel nostro paese si attesta a 289€, a differenza dei 240€ in Germania e dei 177€ in Spagna e Francia.

Il Centro Studi di AutoScout24, il principale portale di annunci auto in Italia ed Europa, ha condotto una ricerca in collaborazione con Pit Stop – Radio 1 Rai, volta a esplorare l’opinione degli italiani in merito alle assicurazioni.

L’indagine rivela che gli italiani esprimono un elevato livello di soddisfazione nei confronti delle loro attuali compagnie assicurative, con una valutazione media di 8 su 10.

La maggioranza dei cittadini giudica positivamente il costo della polizza, nonostante il recente aumento dei premi, segnalato da quattro intervistati su dieci, che in gran parte oscilla tra il 2% e il 10%.

Nel complesso, si nota una forte fedeltà degli italiani verso le loro compagnie assicurative attuali.

Più del 66% dei partecipanti riferisce di essere assicurato presso la stessa azienda per oltre cinque anni, suggerendo una propensione alla conservazione delle abitudini e una resistenza al cambiamento.

Coloro che optano per la modifica lo fanno principalmente per ragioni di convenienza economica.

Nella scelta della compagnia assicurativa, gli italiani considerano in primo luogo tariffe competitive (42%) e un buon servizio clienti (30%) come fattori fondamentali.

Inoltre, il mezzo di informazione riveste un ruolo significativo. Oltre all’esperienza personale o tramite parenti e amici, il 33% degli italiani si affida a fonti online, attraverso portali specializzati o direttamente ai siti delle compagnie assicurative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *