Gio. Mag 30th, 2024
cibo vino tavola

La stagione del foliage offre l’opportunità perfetta per scoprire l’Ungheria e assaporarne le sue bellezze: feste ed eventi locali esaltano i sapori e le ricette della regione, culminando con la celebrazione del patrono ungherese

Redazione

Nel solco delle grandi esperienze culinarie che stanno sempre più prendendo piede in Ungheria – basti pensare che ci sono ben 9 ristoranti stellati nel Paese – anche l’autunno colora le tavole degli ungheresi e dei turisti con le prelibatezze della tradizione.

Conosciuta come la “nazione dei mangiatori di zuppe”, l’Ungheria è famosa non solo per il celebre gulasch, ma anche per le sue gustose zuppe a base di verdure, carne e pesce che profumano le case, i ristoranti e le strade soprattutto da settembre.

La cucina ungherese rappresenta una delle principali attrazioni del Paese, offrendo l’opportunità di assaporare i piatti tradizionali più amati, come gli stufati di pollo, la paprika, il cavolo ripieno, le salsicce e la lecsó.

La stagione delle vendemmie è anche il momento ideale per scoprire questa cucina attraverso le feste locali. In questo periodo, ogni regione propone le proprie specialità culinarie, che diventano il fulcro di vari eventi stagionali sparsi in tutto il Paese.

Tuttavia, l’evento più atteso sia per gli ungheresi che per gli amanti delle tradizioni folcloristiche è la celebrazione del santo patrono del Paese.

L’11 novembre è il giorno di San Martino ed è festeggiato in tutto il Paese con grandi celebrazioni.

Secondo la tradizione popolare, questa festa è considerata l’ultima prima del periodo di digiuno natalizio, e anche se oggi il digiuno non fa più parte della cultura comune, la celebrazione mantiene un legame stretto con le tradizioni del passato.

Storicamente, in onore del santo, gli ungheresi preparavano piatti a base di oca e le famiglie si riunivano per gustare questa prelibatezza, accompagnata dai nuovi vini dell’anno, freschi di vendemmia.

Questo momento di degustazione è anche un’occasione di gioiosa celebrazione con balli e feste. Secondo la credenza popolare, consumare oca il giorno di San Martino porta ricchezza per l’intero anno, mentre bere il nuovo vino assicura una buona salute.

Una festa particolarmente notevole da menzionare è quella organizzata nella città di Bogács, dove l’11 e il 12 novembre, per la quattordicesima volta, si terrà la tradizionale fiera di San Martino.

Durante questo evento, gli ospiti possono degustare calici di vino e piatti tipici a base di oca preparati dai ristoranti e dalle cantine locali in occasione di questa festa speciale.

Per ulteriori informazioni, è possibile visitare il sito visithungary.com/it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *