Sab. Giu 22nd, 2024

Nicastri, presidente della Fondazione Aidr, considera il portale delle associazioni come un passo significativo per sostenere il progetto Polis. Quest’ultimo rappresenta la punta di diamante di Poste e del sistema Paese, con l’obiettivo di promuovere il rilancio delle piccole comunità presenti nei Comuni con meno di 15mila abitanti

Redazione (fonte AIDR)

La Fondazione Aidr (www.aidr.it) esprime grande soddisfazione per l’incontro tenutosi a Roma tra i rappresentanti di Poste Italiane e le Associazioni dei Consumatori, consolidando un dialogo costruttivo già avviato a Milano, Torino e Bologna.

Il momento centrale dell’incontro è stato l’illustrazione del progetto Polis da parte di Poste Italiane, considerato la punta di diamante dell’azienda e del sistema Paese. Quest’iniziativa mira al rilancio delle piccole comunità presenti nei Comuni con meno di 15mila abitanti, promettendo nuove opportunità e rinnovamento nelle zone meno popolate, supportando il tessuto sociale ed economico nazionale.

Durante l’evento, è stata evidenziata l’intervista del presidente nazionale Adiconsum, Carlo De Masi, le cui parole hanno riflesso l’importanza dei rapporti instaurati tra le associazioni e i rappresentanti di Poste, sottolineando l’approccio collaborativo e costruttivo necessario per affrontare le sfide del contesto attuale.

Mauro Nicastri, presidente della Fondazione Aidr, ha sottolineato l’importanza del nuovo progetto del Portale delle Associazioni. Questo portale rappresenta un passo significativo verso una nuova cultura d’impresa, promuovendo modelli di business innovativi e sostenibili dal punto di vista economico e sociale. Il portale si configura come una finestra di dialogo essenziale per dare voce alle aziende e alle persone, facilitando uno scambio fecondo e costruttivo, specialmente attraverso il progetto Polis, volto al rilancio dei Comuni sotto i 15mila abitanti.

La Fondazione Aidr riconosce e apprezza gli sforzi di tutte le parti coinvolte nell’incontro di Roma, considerando l’evento un passo importante verso la realizzazione di un modello di business più inclusivo e sostenibile, che tenga conto delle esigenze di aziende, consumatori e comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *