Sab. Giu 22nd, 2024

Copernicus Sentinel-1 ci mostra Rotterdam e la parte della provincia della Zelanda, nel sud-ovest dei Paesi Bassi

Redazione

Questa immagine è il risultato della combinazione di tre immagini radar, ognuna associata a un canale cromatico diverso: il rosso rappresenta l’immagine acquisita nell’agosto 2022, il verde rappresenta la seconda immagine acquisita nel gennaio 2023, e il blu rappresenta l’ultima immagine datata giugno 2023.

La combinazione delle immagini, con i loro colori diversi, consente di identificare i cambiamenti avvenuti tra le diverse acquisizioni. Ad esempio, il verde indica che la vegetazione era particolarmente rigogliosa al momento dell’acquisizione dell’immagine nel gennaio.

Le aree che appaiono grigie o bianche indicano cambiamenti minimi o assenti. Le superfici d’acqua solitamente appaiono scure o nere.

I puntini colorati che si distinguono sul mare nero del Mare del Nord sono imbarcazioni. I colori ci forniscono informazioni su quando sono state rilevate dal satellite, come descritto in precedenza. I punti bianchi sulla sinistra rappresentano gli impianti eolici in mare aperto.

Rotterdam, la seconda città più grande dei Paesi Bassi dopo Amsterdam, è riconoscibile come un’area grigia vicino al centro dell’immagine, attraversata dal fiume Nuova Mosa visibile come una linea nera. Il porto di Rotterdam è il più grande porto europeo e un importante punto di transito per 450 milioni di utenti.

Altre città visibili nell’immagine includono Utrecht a nord-ovest di Rotterdam e L’Aia a nord-est di Rotterdam. Procedendo verso nord lungo la costa, si incontra la città di Noordwijk, che ospita la sede dell’ESTEC, il centro tecnico dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), dove vengono progettate nuove missioni, gestito lo sviluppo industriale e in alcuni casi testati veicoli spaziali e strumenti.

Il grande specchio d’acqua a sud di Rotterdam è l’Haringvliet. La diga di Haringvliet è visibile come un ponte bianco e verde che chiude l’estuario del fiume. La diga è stata costruita come parte del “Piano Delta”, un insieme di dighe, chiuse, argini e barriere per rafforzare la linea costiera. Anche la diga di Volkerak fa parte del Piano ed è visibile nell’immagine all’estremità orientale dell’Haringvliet.

L’area mostrata nella parte inferiore dell’immagine fa parte della provincia di Zelanda. Si estende su un ampio delta fluviale, formato dalla confluenza dei fiumi Schelda e Mosa, ed è costituita da un complesso sistema di isole, penisole e corsi d’acqua, la maggior parte dei quali si trova al di sotto del livello del mare e collegati tra loro da dighe e ponti dei Lavori del Delta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *